Quanto costa assicurazione auto d’epoca

Sono in molti a chiedersi quanto costa l’assicurazione di un’auto d’epoca. Le assicurazioni di questo tipo di veicoli sono molto convenienti rispetto a quelle degli altri tipi di automobili.
Innanzitutto un’auto, per poter essere considerata d’epoca, deve rispettare diversi requisiti: la sua data di immatricolazione deve risalire ad oltre venti anni, deve essere considerata di interesse storico, sociale o culturale, deve essere conservata in ottime condizioni e deve essere iscritta al registro dell’ASI, l’Automotoclub Storico Italiano, per accedere al quale bisogna essere presentati, come loro tesserati, da una qualunque associazione di auto d’epoca presente entro i confini del territorio nazionale.

Una volta che è stata accettata la propria iscrizione al registro dell’ASI, qualora si fossero già compiuti i 23 anni di età, si può pensare di stipulare a proprio nome un’assicurazione di responsabilità civile per auto d’epoca e godere dei numerosi vantaggi che questo comporta.
Per prima cosa, le auto d’epoca non sono soggette al pagamento del bollo, ma solo ad una tassa di circolazione il cui costo è compreso tra i sessanta ed i centodieci euro. Inoltre, non si è soggetti al meccanismo del bolus-malus tipico delle classi di merito: esiste una sola classe di merito, che non può essere cambiata. La guida dell’auto, a prescindere da chi sia l’intestatario della polizza assicurativa, può essere effettuata da chiunque e la copertura assicurativa è garantita anche durante la partecipazione ad eventi come manifestazioni sportive, purché di tipo non competitivo, sfilate e raduni.

Per chi cercasse ulteriore convenienza, è consigliabile, per stipulare la polizza di responsabilità civile per auto d’epoca, di rivolgersi alle compagnie assicurative che operano online. Esse consentono, di fatto, un notevole risparmio rispetto alle compagnie assicuratrici tradizionali in quanto, avendo fatto la scelta di lavorare unicamente attraverso la rete internet, hanno abbattuto completamente i costi di gestione, amministrazione e cancelleria che gravano sugli uffici fisici, e possono permettersi di applicare ai propri preventivi tariffe più basse, unite ad offerte e promozioni, riguardanti soprattutto le garanzie accessorie opzionali, come per esempio il furto ed incendio, che consentono ai clienti di risparmiare e all’azienda di mantenersi competitiva nei confronti della concorrenza sul campo che si dimostra sempre più agguerrita.

Proprio a causa della concorrenza spietata che governa il campo delle assicurazioni, se si valutano diversi preventivi si può notare come i prezzi possano variare notevolmente da una compagnia assicuratrice all’altra. Per questo motivo, prima di firmare il contratto della propria polizza rc auto, è opportuno visionare e confrontare il maggior numero di preventivi possibile, in modo da esser certi di ottenere il massimo risparmio unito ad un buon rapporto qualità prezzo.

Richiedere i preventivi alle compagnie assicurative online è molto semplice: entrando nel loro sito si può accedere ad un apposito form nel quale viene chiesto di inserire i propri dati anagrafici, le caratteristiche del veicolo e le garanzie accessorie opzionali che si intende includere nel contratto. I tesserati ASI devono includere il numero di tessere per aver diritto a maggiori sconti. In breve si riceveranno i preventivi richiesti.